Raccolta castagne
Innesto e potatura

La tecnica di innesto assume una notevole importanza al fine di recuperare ed intensificare la coltura della specie di castagna più pregiata: il marrone.
L'innesto consiste nell'unire ad un apparato radicale forte (portainnesto) una parte arborea selezionata detta "marza".
Le condizioni fondamentali per la buona riuscita dell'innesto sono l'affinità tra portainnesto e marza, il vigore delle parti, la polarità e l'epoca dell'innesto.


 


     Innesto all'inglese


Un'altra operazione importante per mantenere le piante sane e produttive è la potatura. Il suo fine è quello di riequilibrare la chioma, migliorare l'illuminazione di tutti i rami, far progredire il vigore vegetativo e la produttività dell'albero.
Il castagno ha una naturale attitudine a rigenerarsi rapidamente e solo con nuovi germogli è possibile ottenere rami fruttiferi.
L'eliminazione dei rami secchi, rotti e deperiti garantisce una maggiore difesa da attacchi di funghi patogeni che possono arrecare gravi danni al castagno. Tali interventi vengono effettuati su piante adulte durante il riposo vegetativo (da novembre a marzo).
           
                Innesto


Le tecniche più utilizzate al castagneto "La Lella" sono quelle "a cannello", "a spacco inglese", "a corona" e "ad occhio". I primi due sistemi in particolare sono preferiti perché garantiscono maggior riuscita e una migliore resistenza ad attacchi fitosanitari. Il sistema "a spacco inglese" può essere effettuato da fine febbraio a maggio e quello "a cannello" durante la ripresa vegetativa.



 


        Gemma